martedì 8 novembre 2016

Recensione: Love. Un nuovo destino - L.A. Casey (Slater Brothers #1)

Love. Un nuovo destino
(Slater Brothers #1)
di L.A. Casey
Newton Compton Editori
Anno 2016
Pagine 350
Euro 9,90 

Dominic vuole lei. E Dominic ottiene sempre ciò che vuole.
Dopo aver perso i genitori in un incidente d’auto, Bronagh Murphy ha deciso di tenersi a distanza dalle persone, per non dovere soffrire più in futuro. Non ha amicizie, parla poco con gli altri e gli altri la lasciano stare, proprio come lei desidera. Almeno fino a quando Dominic Slater non entra nella sua vita. Abituato a essere sempre al centro dell’attenzione e ad avere gli occhi di tutti addosso, Dominic non può accettare di essere ignorato. Eppure, a quanto pare, la brunetta dalla lingua tagliente non lo degna di uno sguardo, e questo lo fa impazzire. Tanto che quella ragazza solitaria diventa una vera e propria ossessione, ma l’unico modo per arrivare a lei è trascinarla fuori dall’angolo in cui lei stessa si è infilata…
Di solito i libri che leggo si dividono in due categorie: quelli che adoro alla follia, che mi entrano nel cuore e che costringerei tutti ma proprio tutti a leggere, e quelli che invece non mi piacciono, che trovo odiosi e che mi  spingono a chiedermi "ma-che-caspio-ho-appena-letto?". Poi ovviamente ci sono tutte le diverse sfumature del mezzo. I romanzi carini ma niente di che, quelli che deludono le aspettative, quelli che confermano l'amore per una serie o autore, quelli che ti stupiscono, quelli che non avresti mai pensato ti piacessero eccetera eccetera. Da oggi per me però esiste anche la categoria a parte, tutta per i romanzi di L.A. Casey. Quelli del Boh, non lo soNiente, ci ho pensato e ripensato, ma a distanza di giorni ancora non riesco a capire se mi è piaciuto. O perchè mi è piaciuto! Vi sto confondendo? Be' sì, perchè sono confusa anch'io xD 
Andando in ordine e guardando obiettivamente a quello che è la storia che si evince leggendo Dominic - l'ho letto in inglese, anche se vi ho messo la scheda dell'edizione italiana  il volume apripista della serie dedicata ai fratelli Slater, non credo sia un romanzo che consiglierei di leggere. I protagonisti sono troppo giovani per le situazioni proposte, che non le accetterei mai in un young adult/new adult contemporaneo. Dominic si comporta come un cavernicolo un bambino dispettoso a cui piace la bambina carina che incontra al parco e invece di fare il gentile, le fa i dispetti per attirare la sua attenzione. Solo che nel caso di Dominic e Bronagh - che hanno diciott'anni - i dispetti non si risolvono in una tirata di codini e una spintarella qui e là, ma in vere e proprie litigate epocali, tra un stronza di qui e bastardo di là e attenzioni fisiche indesiderate che più che volentieri sfociano in episodi di bullismo vero e proprio. Insomma, ero preparata, mi avevano detto che gli Slater avevano dei caratterini tutto pepe e che le protagoniste femminili non le mandavano a dire, ma a immaginare certe scene mai! 
Bronagh, una studentessa di liceo in quel di Dublino, è vittima di bullismo da parte di diversi compagni di scuola, tra cui anche Dominic, anche se da parte sua è tutta una tattica per corteggiarla sì, come no. Bronagh è talmente pazza e fuori di zucca, che se non fosse stato che ho colto immediatamente le motivazioni alla base delle sue urla isteriche e del suo attaccare per prima prima di essere attaccata, l'avrei trovata odiosa. Delle volte assume dei comportamenti da bambina, ma perchè fondamentalmente è una bambina. Lo stesso vale per Dominic. Se vi devo dire che ho trovato la loro love story appassionante e romantica, no, non posso dirlo. 

I punched him in the stomach. "You're a prick!" 
He grunted out and then laughed and he gripped his stomach. "You're amazing." 
I went to hit him again but he quickly grabbed me and pulled him down to his side, he lowered his head and ran his nose from the tip of mine to between my eyes then kissed that spot. "I do live you, I swear it." 
"Dominic," I breathed, my stomach twisting in knots and my chest constricting. It was borderline painful, but a good type of pain; that was how I knew I felt the same as him. "I live you too."

La prima parte che segue un ritmo molto classico, ruota tutto intorno a Bronagh, alle sue giornate di scuola, sul suo rapporto con Branna, la sorella maggiore che ha la sua custodia da quando sono morti i genitori. Per buona parte assistiamo alle interazioni tra Dominic e Bronagh, in un evoluzione al dir poco improbabile, dal "non voglio che mi baci a scuola" a "facciamolo con i tuoi fratelli al piano di sotto". Verso l'ultima la storia prende una piega più... suspense? Scopriamo il passato e gli affari non proprio puliti in cui gli Slater sono invischiati, e non ci voleva un genio per capirlo, visto che Dominic combatte nel circuito illegale degli incontri clandestini. Altri colpi di scena non me li aspettavo, e per quanto improbabili e pazzoidi possano sembrare, devo dire che però funzionano.
Altra cosa che non piacerà a nessuno è l'uso delle volgarità. L'autrice secondo me parla proprio così, perchè sinceramente non riesco a capire il motivo di tutte queste parolacce. E' una profusione di b**ch, s**t e f**k in ogni sua possibile declinazione. Come vi ho detto, l'ho letto in inglese e per quanto non mi dia fastidio lo sproloquio quando ci sta ed è funzionale al contesto, qui non l'ho trovato adatto. Inoltre lo stile dell'autrice è veramente, ma veramente semplice, quasi troppo. Nessuna frase elaborata e molto spesso si perde nella solita lista "si alza, si stropiccia gli occhi, scende dal letto, sbadiglia ecc...". 
Insomma, facendo il punto, Dominic è una storia talmente trash, quasi più di una puntata del Grande Fratello Vip o di Jersey Shore, non c'è modo di negare l'evidenza. Però avrete capito che non l'ho mollato a pagina due. L'ho letto tutto. Quasi divorato potrei dire. E, non saprei dirvi per quale motivo, ma non ho sentito il bisogno di chiudere gli occhi e far volare il libo dalla finestra. Mi ha fatto sbellicare dal ridere, soprattutto le prese in giro dei fratelli tra di loro, e alcune osservazioni di Bronagh e di Branna, decisamente da pazze scatenate, ma alla fin fine simpatiche. 
Dominic mi è piaciuto. E perchè o cosa ci sia tra le righe di questo romanzo che mi abbia colpito nonostante tutto non saprei dirvelo.
O forse non mi è piaciuto. Boh! 
Probabilmente resterò col dubbio per tutta la vita.
E vi prego, non prendetemi per pazza, ma voglio proprio leggere i seguiti, perchè voglio scoprire le storie del resto della famiglia Slater, vedere che mi combinano gli altri fratelli e se Ryder, Alec e Kane, soprattutto quest'ultimo, riescono a sconfifferarmi più di Dominic ;)
Due stelle e mezzo

12 commenti:

  1. ahahhah un guilty pleasure, in poche parole :P
    Io mi eviterò questa sofferenza..anche se mi hai fatto venire un pochino di curiosità XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco sì, un guilty pleasure! :D Guarda, se hai voglia di leggere un libro per il gusto di farti due risate senza senso questo è ottimo X°D

      Elimina
  2. Ahahahahah no guarda sto ridendo come una matta!! Praticamente sei come me quando dico che un determinato libro mi ha fatto saltare i nervi ma non lo boccio ;D
    Nonostante la tua recensione trash io devo leggere lo stesso tutta la serie. Ormai i libri gli ho comprati e amen! Diciamo che il tuo giudizio è un bel NI. Sei riuscita a farmi piacere la storia nonostante tutto!
    Non so perché ma già adoro quello stronzetto di Dominic e quella psicopatica di Bronagh *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso, sì, è proprio così XD
      Dici bene, Bronagh è psicopatica, e Dominic è aaarrrggh, però sì sono da leggere. Vorrei saltare il secondo, quello su Alec e fiondarmi su Kane - che è lo slater che più mi ispira, lo sai - ma penso di fare le cose per bene e leggermeli in fila. Ma tra un poco di tempo. Io sinceramente non vedo l'ora che TU lo leggi e mi dici che ne pensi!!!

      Elimina
  3. Concordo con Giusy, decisamente un guilty pleasure ahah
    Io non l'ho letto, ma ne ho sentito talmente tante critiche sulla sua trashaggine che me ne tengo alla larga lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Di solito anche io me ne tengo alla larga, ma in questo caso nonostante tutti i difetti... oh, l'ho letto e non ho desiderato lanciarlo dalla finestra XD W i guilty pleasure allora!

      Elimina
  4. Io non lo posso soffrire questo libro..dopo averlo letto volevo lavarmi il cervello con la candeggina, purtroppo se l'erano bevuta tutta Dominic e Bronagh...in questi casi odio la mia assurda memoria e vorrei essere come Dori...certi libri è meglio dimenticarli subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, proprio no, eh? :D Ci sta, dai. Spero che riuscirai a dimenticarlo prima o poi X"D

      Elimina
  5. Ahahahahah! Fantastica! Io ti lovvo... e questo libro non lo leggerò mai, ma le tue recensioni sui successivi sicuramente sì!!! X°°°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Aliii!!! <3 Non saranno dei capolavori, ma almeno ci facciamo due risate eheh ;)

      Elimina
  6. Ciao, Rosa! Io ho bocciato su tutta la linea questo libro, mentre leggevo non riuscivo a capire dove l'autrice avesse preso ispirazione per così tante cose assurde inserite nella storia. Non ho simpatizzato per nessun personaggio e troppa volgarità, davvero troppa e mal riposta >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo con te!!! E' indifendibile questo romanzo, eppure... oh, l'ho letto e non mi sono incavolata nera, anzi, mi sono fatta un sacco di risate tanto è assurdo! xD

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...